Ecco il Concorso ATA 24 mesi, graduatorie, domanda 2023

Ecco tutti i dettagli sul concorso ATA 24 mesi, le graduatorie, le informazioni per l’invio della domanda di partecipazione. Ricordiamo che nella primavera 2023, sarà bandito il nuovo concorso ATA 24 Mesi per entrare nella graduatoria di prima fascia.

CONCORSO ATA 24 MESI

Il bando ATA permette l’inserimento o l’aggiornamento in graduatoria del personale Amministrativo, Tecnico ed Ausiliario della scuola. La selezione di svolgerà per soli titoli e permetterà ai candidati di entrare in graduatoria o di aggiornare il punteggio.

Come fare per entrare in graduatoria ATA prima fascia?

Per restare aggiornati seguiteci sul nostro canale telegram.

Bisogna attendere la pubblicazione del bando personale ATA che sarà pubblicato nella prossima primavera.

Qual è lo scopo delle graduatorie ATA?

Gli istituti scolastici attingono dalle graduatorie per assegnare incarichi di supplenza e quindi impieghi a tempo determinato, solitamente per 12 mesi.

Chi può partecipare alle selezioni ATA prima fascia?

Secondo quanto previsto dall’art. 554 del decreto legislativo n. 297/1994 e dell’O.M. 23.02.2009, n. 21, bisogna aver maturato 2 anni di lavoro nella scuola, anche non continuativi.

Profili professionali interessati:

AREA A

– CS – Collaboratori scolastici (bidelli);

AREA AS

– CR – Collaboratori scolastici Addetti alle aziende agrarie;

AREA B

– AA – Assistenti Amministrativi;
– AT – Assistenti Tecnici;
– CU – Cuochi;
– GU – Guardarobieri;
– IF – Infermieri.

Titoli di studio:

 Collaboratore Scolastico: diploma di qualifica statale o attestato di qualifica professionale di durata almeno triennale o diploma di maturità, si procede alla valutazione di un solo titolo:
– media del 6 oppure sufficiente: PUNTI 2,00
– media del 7 oppure buono: PUNTI 2,50
– media dell’8 oppure distinto: PUNTI 3,00
– media del 9 oppure ottimo: PUNTI 3,50
– per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte le materie, tale
punteggio deve essere rapportato a 10.
– qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata a 10.
Nel caso in cui tale titolo non sia espresso né in voti né in giudizi, si considera
come conseguito con la sufficienza. Ove siano stati prodotti più titoli fra quelli richiesti per l’accesso, si valuta il più favorevole

• Addetto all’Azienda Agraria:
1) Diploma di qualifica professionale di Operatore agrituristico.
2) Diploma di qualifica professionale di Operatore agro-industriale.
3) Diploma di qualifica professionale di Operatore agro-ambientale.
Si procede alla valutazione di un solo titolo:
– media del 6 oppure sufficiente: PUNTI 2,00
– media del 7 oppure buono: PUNTI 2,50
– media dell’8 oppure distinto: PUNTI 3,00
– media del 9 oppure ottimo: PUNTI 3,50
– per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte le materie, tale
punteggio deve essere rapportato a 10.
– qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata a 10.
Nel caso in cui tale titolo non sia espresso né in voti né in giudizi, si considera
come conseguito con la sufficienza.
Ulteriori 3 punti se si possiede anche il diploma di maturità specifico.

• Cuoco: Diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, settore Cucina si valuta un solo titolo:
– media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora espressi in decimi;
– ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:
sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9;
– per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte le materie, tale
punteggio deve essere rapportato a 10;
– qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata a 10.
• Guardarobiere: Diploma di qualifica professionale di Operatore della moda si valuta un solo titolo:
– media del 6 oppure sufficiente: PUNTI 2,00
– media del 7 oppure buono: PUNTI 2,50
– media dell’ 8 oppure distinto: PUNTI 3,00
– media del 9 oppure ottimo: PUNTI 3,50
– per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte le materie, tale
punteggio deve essere rapportato a 10.
– qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata a 10.
Ulteriori 3 punti se si possiede anche il diploma di maturità specifico.

Infermiere: Laurea in Scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di Infermiere si valuta un solo titolo:
– media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora espressi in decimi;
– ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:
sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9;
– per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte le materie, tale
punteggio deve essere rapportato a 10;
– qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata a 10.

• Assistente Amministrativo: Diploma di maturità
si valuta un solo titolo:
– media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora espressi in decimi;
– ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:
sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9;
– per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte le materie, tale
punteggio deve essere rapportato a 10;
– qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata a 10.

Assistente Tecnico: Diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale. La specificità è quella definita, limitatamente ai diplomi di maturità, dalla Tabella di corrispondenza Titoli – Laboratori vigente alla data di emanazione del presente bando di concorso si valuta un solo titolo:
– media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora espressi in decimi;
– ove nel titolo di studio la valutazione sia espressa con una qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:
sufficiente – 6, buono – 7, distinto – 8, ottimo – 9;
– per i titoli di studio che riportano un punteggio unico per tutte le materie, tale
punteggio deve essere rapportato a 10;
– qualsiasi altra tipologia di valutazione deve essere rapportata a 10.

Se vuoi saperne di più sulle possibilità per chi non ha mai lavorato nella scuola leggi il nostro articolo sul bando ATA terza fascia.

Commenti

  1. Michele Montenegro 15 Aprile 2021
  2. Ornella Duò 30 Settembre 2021
  3. Irene Nocerino 16 Febbraio 2022
  4. Alessandra 23 Febbraio 2022
  5. daniela tudisco 3 Marzo 2022
  6. Ivana 4 Marzo 2022
  7. Michela 4 Marzo 2022
  8. Pasqualina 9 Marzo 2022
  9. Mimmo 2 Maggio 2022
  10. Oksana 18 Maggio 2022
  11. sebastiana 24 Gennaio 2023

Lascia una risposta