Assunzioni Ministero della Giustizia: concorso pubblico per 109 conducenti di automezzi

ministero giustiziaAssunzioni Ministero della Giustizia: concorso pubblico per 109 conducenti di automezzi. Il Ministero della Giustizia ha avviato l’iter per la selezione di 109 conducenti di automezzi da reclutare a partire dagli iscritti nelle liste dei centri per l’impiego – Area II, fascia economica F1.



Le regioni interessate sono le seguenti: Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Liguria, Puglia, Sicilia e Toscana.

I posti di lavoro:



– n.19 posti per le Amministrazioni Centrali nella sede di Roma;
– n.5 posti per il Distretto di Bari;
– n.5 posti per il Distretto di Caltanissetta;
– n.6 posti per il Distretto di Catania;
– n.4 posti per il Distretto di Catanzaro;
– n.3 posti per il Distretto di Firenze;
– n.9 posti per il Distretto di Genova;
– n.2 posti per il Distretto di Lecce;
– n.2 posti per il Distretto di Messina;
– n.2 posti per il Distretto di Milano;
– n.10 posti per il Distretto di Napoli;
– n.14 posti per il Distretto di Palermo;
– n.3 posti per il Distretto di Potenza;
– n.4 posti per il Distretto di Reggio Calabria;
– n.18 posti per il Distretto di Roma;
– n.3 posti per il Distretto di Salerno.

Requisiti richiesti per le Assunzioni Ministero Giustizia:



– cittadinanza italiana o cittadinanza di altro Stato membro dell’UE o come indicato dal bando;
– essere maggiorenni;
– diploma di terza media;
– patente di guida di categoria D, valida da almeno tre anni e con un punteggio residuo pari ad almeno 18 punti;
– idoneità fisica e psichica alla guida, tale da permettere di condurre con sicurezza veicoli a motore;
– qualità morali e di condotta di cui all’art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
– godimento dei diritti civili e politici;
– non essere stati esclusi dall’elettorato attivo;
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;
– non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale;
– non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
– per gli iscritti di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana.

Per maggiori informazioni sul concorso Ministero Giustizia per Autisti scarica il bando di concorso: link .

Lascia una risposta