Concorso Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica

gazzetta ufficiale concorsiÈ indetto una selezione pubblica per esami a otto posti di referendario in prova nel ruolo della carriera direttiva amministrativa del Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, di seguito denominato Segretariato generale, di cui tre riservati al personale di ruolo del Segretariato generale, con lo stato giuridico ed il trattamento economico previsto dal Regolamento di cui alla seconda premessa del presente decreto vigente alla data



dell’assunzione.  La riserva di posti che non dovesse essere coperta sarà conferita ai concorrenti che abbiano superato le prove, secondo l’ordine di graduatoria.
E’ possibile inviare la domanda di partecipazione entro il 19 gennaio 2017.
Requisiti richiesti:
• cittadinanza italiana;
• età non superiore ai 40 anni compiuti, ovvero ai 45 anni compiuti in caso di dipendenti di ruolo di Organi costituzionali o di Amministrazioni pubbliche;
• godimento dei diritti civili e politici;
• uno dei titoli di studio allegati al bando di concorso (laurea);
• idoneità fisica all’impiego;
• assenza di sentenze definitive di condanna che importino l’interdizione perpetua dai pubblici uffici ovvero l’applicazione di quanto previsto dall’articolo 32 quinquies del Codice penale;
• assenza di provvedimenti di destituzione, licenziamento o dispensa dal servizio presso Amministrazioni pubbliche per persistente insufficiente rendimento, ovvero di provvedimenti di decadenza da un impiego pubblico essendo stato accertato che l’impiego medesimo era stato conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
• assenza di sentenze definitive di condanna, o di applicazione della pena su richiesta per reati diversi da quelli di cui alla lettera f), anche se siano intervenuti la prescrizione o provvedimenti di amnistia, indulto, perdono giudiziale, riabilitazione, sospensione della pena, beneficio della non menzione, ovvero di procedimenti penali pendenti, salvo quanto previsto al successivo articolo 3, comma 2.
Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale: www.quirinale.it



Lascia una risposta